Tosi: “La sicurezza delle persone prima di tutto. 600 le nuove piante ogni anno” --Comunicato stampa n.200 del 24/7/2015

Proseguono gli interventi di messa in sicurezza dellealberature cittadine a Carpi: i lavori in corso in via Ugo da Carpi subirannouno stop di circa una settimana e riprenderanno il 3 agosto ma la prossimasettimana (indicativamente da mercoledì 29, ore 8-18, per proseguire giovedìpomeriggio e venerdì per tutta la giornata) sono previsti invece interventisulle alberature di piazzale Ramazzini. Si tratta di una ventina di tigli, unpaio dei quali dovranno essere abbattuti per i danni all’apparato radicale chehanno subito nel corso degli anni, confermati da perizie di consulenti esterniall’amministrazione comunale. Lunedì mattina verranno posizionati i cartelli didivieto di sosta nell'area del mercato coperto e saranno possibili stopall'accesso ai veicoli in alcune zone, in base all’avanzamento dei lavori.

Questa mattina si sono conclusi intanto i lavori dimessa in sicurezza delle alberature presenti in piazzale Baracchi (ilparcheggio accanto al cimitero urbano) attraverso la realizzazione di sistemidi consolidamento di alcuni pioppi bianchi qui presenti. Tale intervento haportato al posizionamento di alcune funi di ancoraggio tra grossi rami,evitando il rischio di cedimenti della vegetazione. 

Segnaliamo ancora che lunedì prossimo, 27 luglio, siinterverrà in via Tonelli per la sistemazione della vegetazione qui a dimora,che provoca fastidi e limitazioni al transito: l'opportuna segnaletica è stataposizionata stamane alle ore 8.

Nel mese di agosto i lavori proseguiranno su diversestrade e arterie della periferia (ci sono segnalazioni di pioppi secchi adesempio sulla Tangenziale Losi, in via Cattani, via Lama, e si verificherannoquelle arrivate riguardo a via Griduzza, ad esempio).

Riguardo a questa campagna di messa in sicurezza dellealberature cittadine l’assessore all’Ambiente Simone Tosi ribadisce che gliinterventi manutentivi sui viali sono decisi e programmati dal ServizioManutenzione del verde che opera dandosi delle priorità. Ogni albero tagliatoverrà sostituito da una nuova pianta. “Alberi pericolanti vicino a scuole o edificipubblici vanno tagliati, la sicurezza delle persone viene prima di tutto.Ricordiamoci – spiega Tosi, replicando così anche alle polemiche di questigiorni - cosa è successo il 6 febbraio scorso con la grande nevicata, albericaduti su automobili o in mezzo alla strada. Noi siamo convinti che gli alberiin città abbiano un valore positivo che va oltre il decoro, ma la sicurezza èun valore non negoziabile. Ogni volta che si taglia un albero, si tengono inconsiderazione eventuali alternative, ma in assenza di queste, si è costrettial suo abbattimento: strano che passi l'idea che si tagliano alberi così tantoper fare, perché non è così che avviene. Ricordiamo che il nostroterritorio, grazie ad interventi che si sono svolti in molti anni, possiede unpatrimonio di alberi di notevole importanza: abbiamo oltre 31mila alberi, dicui 10mila sui viali e 21mila nei parchi, e non dobbiamo scordarci gli oltre400mila metri quadrati di aree boscate (a demanio comunale), o il milione dimetri quadrati di verde pubblico. Ogni anno vengono abbattuti 300 alberi pariallo 0,95% del patrimonio ma non dobbiamo scordare che ne piantiamo ildoppio”.