Sabato 25 novembre 2006, ore 9,00 presso Circolo L. Guerzoni, Via Genova 1- Carpi

Il convegno è stato promosso da: Provincia di Modena, Comune di Carpi, Comune di Modena, Comune di Bomporto, Comune di Mirandola, Unione Terre d'Argine, Cooperativa Sociale Oltremare, Cooperativa Vagabondi, Cooperativa sociale La Bottega del Sole, Citer, Ascom Confcommercio Fam, Cna Federmoda, LapamFederimpresa, Uniontessile Api Modena, Lega delle Cooperative, Confcooperative, Filtea Cgil, Femca Cisl, Uilta, Federconsumatori Provinciale, Adiconsum.
Contributi: Provincia di Modena e Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi
Saluti e introduzione

Palma COSTI - Assessore Interventi Economici Provincia di Modena
Alberto ALLEGRETTI - Assessore Economia Lavoro Formazione Città di Carpi
Mauro BENINCASA - Consigliere Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi

Presentazione del protocollo d'intesa per una campagna di sensibilizzazione sull'eticità dei prodotti tessili
Vittorio REGGIANI - Presidente Coop Oltremare

Interventi:
On. Andrea LULLI - Parlamentare relatore D.L. 100% Italiano (tracciabilità dei prodotti tessili)
Chiara BONATI - Consiglio d'Amministrazione CTM Altro Mercato
Paolo LANDI - Presidente nazionale Adiconsum
Luca Marco RINFRESCHI - Presidente CCIAA di Prato e Vice Presidente ITF Italian Textile Fashion

Coordinatore: Pierluigi SENATORE - Giornalista

Sono intervenuti rappresentanti delle organizzazioni sindacali, associazioni imprenditoriali e dei consumatori, delle istituzioni e delle "botteghe" eque e solidali.

Info: Comune di Carpi - Assessorato Economia Lavoro Formazione
Segreteria tel. 059 649853
www.carpidiem.it

Il Comune di Carpi e la Provincia di Modena hanno collaborato alla definizione del “Protocollo d’intesa” finalizzato alla promozione di una campagna di sensibilizzazione sui prodotti tessili nei confronti dei cittadini consumatori ed iniziative pubbliche finalizzate alla promozione dei prodotti tessili e alla valorizzazione del prodotto interamente italiano. In applicazione di tali intenti è stato concordato un primo convegno realizzato a Carpi il 25 novembre 2006 dal titolo “INTESSUTI D’ETICA”.

Image

Legare le diseguaglianze nord-sud del mondo, al tema della concorrenza sleale, alla difesa e promozione del Made in Italy e del commercio equo e solidale è l’obiettivo che il territorio dell’intero distretto intende sviluppare, presupponendo prerogative ed implicazioni nella duplice accezione:

- GLOBALE - in termini di rispetto delle di regole di salvaguardia della salute e della sicurezza di lavoratori e consumatori ed assenza di sfruttamento sociale ed ambientale, secondo principi fondamentali di intrapresa etica;
- LOCALE – in termini di valorizzazione del Made in Italy, contribuendo a mantenere integra la filiera manifatturiera del prodotto “moda” attraverso una produzione responsabile e corretta, nonché un concetto di impresa il più possibile etica.
Il convegno pone al centro i temi del tessile etico, della responsabilità delle imprese, della consapevolezza dei consumatori e della sostenibilità dei prodotti.
Promotori del progetto sono gli Enti e le Associazioni aderenti al Protocollo d’intesa “INTESSUTI D’ETICA: Provincia di Moodena, Comune di Carpi, Comuni di Modena, Bomporto, e Mirandola, l’Unione delle Terre d’Argine, Cooperativa Sociale Oltremare, Cooperativa Vagamondi, Cooperativa Sociale La Bottega del Sole, Citer, Ascom Confcommercio Fam, Cna Federmoda, Lapafederimpresa, Uniontessile Api Modena, Lega delle cooperative, Confcooperative, Filtea Cgil, Femca Cisl, Uilta, Federconsumatori Provinciale e Adiconsum.
L’evento è stato co-finanziato dalla Provincia di Modena ed è stato realizzato grazie ad un contributo concesso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi.
E' stato affrontato il confronto e l'approfondimento su:
- squilibri dei meccanismi economici e sociali del settore tessile, specie nei paesi del sud-est asiatico;
- elevato impatto sociale ed ambientale nelle fasi della produzione agricola e dell’approvvigionamento della materia prima;
- conseguenze dell’uso di sostanze tossiche nelle colorazioni dei tessuti e di altri materiali sulla salute dei consumatori;
- proposte di legislazione in tema di tracciabilità di filiera e tutela del marchio all’interno del settore tessile (Disegno di legge “100% Italia o etichettatura obbligatoria europea del made in Italy)
Con la conduzione del giornalista Pierluigi Senatore, i saluti e l’introduzione hanno coinvolto rappresentanti delle istituzioni: Palma Costi – Assessore Interventi Economici Provincia di Modena, Alberto Allegretti – Vicesindaco e Assessore Economia Lavoro Formazione Comune di Carpi e Mauro Benincasa – Consigliere Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi.
Vittorio Reggiani, quale Presidente di Coop Oltremare, ha presentato il protocollo d’intesa per una campagna di sensibilizzazione sull’eticità dei prodotti tessili.
Sono intervenuti l’On. Andrea Lulli – Parlamentare relatore D.L. 100% italiano (tracciabilità prodotti tessili), Chiara Bonati – Consiglio d’Amministrazione CTM Altro Mercato, Paolo Landi – Presidente Nazionale Adiconsum e Luca Marco Rinfreschi – Presidente CCIAA di Prato e Vicepresidente ITF Italian Textile Fashion, oltre a rappresentanti delle organizzazioni sindacali, delle associazioni imprenditoriali e dei consumatori, delle istituzioni e delle “botteghe eque e solidali”. A fine convegno è stato realizzato un rinfresco la cui realizzazione è stata assegnata alle “botteghe eque e solidali” con la somministrazione di loro prodotti.
Ad un mese dalla firma in calce al Protocollo d’intesa, il convegno INtessuti d’etica, presenta il documento che impegna i firmatari (enti locali, cooperative operanti nel commercio equo e solidale, associazioni di categoria, sindacali e di consumatori) a promuovere azioni di utilità sociale, ambientale e sanitarie nell’ambito del settore tessile tradizionale in tutte le sue fasi (produttiva, di trasformazione e di mercato), per favorire lo sviluppo di regole sui fondamentali temi dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici, della salute, dell’ambiente e della corretta informazione dei consumatori.

“Protocollo d’intesa per una campagna di sensibilizzazione sull’eticità dei prodotti tessili”
Vai al documento di approfondimento